Le polemiche sull’evasione fiscale aprono le porte a una nuova proposta europea sulle imposte sui redditi delle società

20 novembre 2013

La risposta dei leader dell’UE al clamore suscitato dall’evasione fiscale sistematica perpretata dalle multinazionali ha dato il via alla ricerca di una soluzione pan-europea alle frodi fiscali, ma il dibattito ha anche permesso alla Commissione Europea di ritornare su un controversa proposta per una Base Imponibile Societaria Consolidata Comune (Common Consolidated Corporate Tax Base, CCCTB).

Mentre la crisi finanziaria continua, le gigantesche multinazionali della tecnologia come Apple, Google o Amazon si trovano sotto la la luce dei riflettori, accusate di evitare le tasse, provocando la furia dei tartassati contribuenti.

>> Leggi (in inglese): The Irish loophole behind Apple’s low tax bill Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Il Canada raggiunge un accordo commerciale con l’Unione Europea

24 ottobre 2013

-rep_missions-assets-images-slideshow-diaporama-slide_canada_eu

25 milioni di euro di crescita annuale prevista per il commercio. Facilitazioni e opportunità di lavoro i professionisti (titolo civetta).

L’Unione Europea e il Canada hanno raggiunto oggi (18/10/2013) un accordo su un trattato di libero scambio che rimuove quasi tutte le tariffe, apre il mercato per i contratti pubblici e facilita la migrazione per i professionisti.

Ci si aspetta che l’accordo, annunciato a Bruxelles da primo ministro del Canada Stephen Harper e da José Manuel Barroso, presidente della Commissione Europea, faccia crescere di miliardi di euro il valore degli scambi commerciali tra i partners. Leggi il seguito di questo post »


La Polonia sostiene l’integrazione del mercato energetico con i paesi baltici

22 ottobre 2013

2009_bemip_project_map_june09

In risposta all’affermazione dell’esperto Nato Dr Arūnas Molis secondo cui la Polonia sarebbe contro i collegamenti energetici a cavallo del confine con il suo paese, la Lituania, tre autrici polacche hanno riferito ad EurActiv che il maggior paese dell’Europa centrale in realtà sostiene l’integrazione del mercato energetico con i paesi baltici.

Nelle industrie basate su reti, come il gas e l’elettricità, l’integrazione dei mercati, che fornisce incrementi di benessere in termini di aumento della sicurezza, miglioramento delle operazioni e prezzi competitivi, richiede l’esistenza fisica di linee. Dopo l’entrata nell’UE, per i mal collegati paesi dell’Europa centrale ed orientale, affrontare questa questione è diventata una priorità, con una pressione particolare sui tre stati baltici, spesso definiti come “isola energetica”, nonostante esista già un ponte energetico tra Estonia e Finlandia e siano in costruzione altri collegamenti con l’UE. Leggi il seguito di questo post »


Dagli antichi tribunali dell’acqua ai moderni impianti di riuso: Valencia avanguardia europea della gestione intelligente dell’acqua

3 settembre 2009

La comunità autonoma valenciana sta facendo pressioni sull’UE perché sviluppi una politica di promozione dell’uso “intelligente” dell’acqua secondo il modello delle energie rinnovabili, visto che il consumo mondiale di acqua triplicherà nei prossimi dieci anni. Leggi il seguito di questo post »


Da 50 anni la Turchia bussa alla porta dell’Europa

9 agosto 2009

La Turchia ha festeggiato un triste anniversario: sono infatti 50 anni che bussa alla porta dell’Europa, con alcuni entusiasti che sperano che il recente accordo con l’UE sul gasdotto Nabucco possa accelerare la candidatura di Ankara all’entrata nell’Unione Europea. Leggi il seguito di questo post »


La Commissione Europea richiama diversi Stati (tra cui l’Italia) al rispetto delle regole e delle sentenze comunitarie

26 giugno 2009

Tra mercoledì e giovedì la Commissione Europea ha richiamato, e minacciato di deferirli davanti alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee, diversi Stati membri dell’Unione per il mancato rispetto delle regole europee o di vecchie sentenze della Corte di Giustizia. Mi sembra che questo strumento che ha a disposizione il “braccio” dell’Unione Europea possano servire a farsi un’idea di quelli che sono alcuni dei suoi compiti: liberalizzazione dei mercati, protezione dell’ambiente e delle specie protette,  uguaglianza dei diritti, lotta all’evasione fiscale. Leggi il seguito di questo post »


Rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente: la scarsità di acqua è ormai un problema europeo

19 marzo 2009

L’uso che gli europei fanno dell’acqua è insostenibile e questo porterà alla scarsità e alla siccità, avverte l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) nel suo ultimo rapporto. La soluzione non è più espandere l’offerta, sostiene l’EEA, ma tagliare la domanda e l’introduzione di un sistema di prezzi per l’acqua in tutti i settori.

Leggi il seguito di questo post »