«PIOMBINO COMME UNE ÉQUIPE » UN COURT MÉTRAGE POUR SAUVER LA “LUCCHINI”

12 novembre 2013

Questo slideshow richiede JavaScript.

Piombino (ITALIE) – Elles ont durées sept heures, les prises du court métrage organisé le samedi 9 novembre par les athlètes de “Piombino comme une équipe”, qui ont tourné scènes dans la ville entière : de Place Bovio au Château, de Place Manzoni a la sorti de l’acièrie « Lucchini », du quartier Cotone-Poggetto à la plage de Calamoresca.

À la direction des athlètes-acteurs, une équipe formé par Luca Di Bari, jeune réalisateur, Francesca Orsini, chargée du montage, Riccardo Chiarantini, directeur de la photographie avec expérience pluriannuelle.

Pendant les prises, les athlètes s’ont lancé les ballons de chaque sport dans les rues désertes de Piombino, a signifier que un sport sans publique est aussi triste qu’une ville sans travail, qui devient vide et désolante. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

«PIOMBINO COMO UN EQUIPO» UN CORTOMETRAJE PARA SALVAR A “LUCCHINI”

12 novembre 2013

Questo slideshow richiede JavaScript.

Piombino (ITALIA) – Duró siete horas el rodaje del cortometraje organizado sábado 9 de noviembre por los atletas de “Piombino como un equipo”, que rodaron escenas en toda la ciudad: de Plaza Bovio al castillo, de Plaza Manzoni a la salida de la acería “Lucchini”, del barrio Cotone-Poggetto a la playa de Calamoresca.

A dirigir los deportistas-atletas un equipo formada por Luca Di Bari, director principiante, Francesca Orsini, encargada del montaje, Riccardo Chiarantini, director de la fotografía con experiencia plurienal.

Durante el rodaje, los atletas se lanzaron las bolas y las pelotas propias de cada deporte por las calles desiertas de Piombino, para significar que un deporte sin público es triste como una ciudad sin trabajo, que se queda vacía y desolada. Leggi il seguito di questo post »


Spagna: 4 disoccupati su 10 sono di lungo periodo

29 ottobre 2013

Il 62% dei più di 5,5 milioni di disoccupati contabilizzati alla chiusura del terzo trimestre dell’anno, ovvero 3.439.900 disoccupati, si trova già da più di un anno in cerca di occupazione, cifra quasi 9 volte superiore a quella esistente al terzo trimestre del 2007 (387.100 disoccupati), secondo uno studio diffuso martedì da Randstad a partire dai dati dell’ultima inchiesta sulla popolazione attiva.

Dei 3.439.900 disoccupati di lungo periodo esistenti a fine settembre, il 39% (2.165.100) si trovava da due o più anni alla ricerca di un lavoro, mentre il 23% (1.275.700) ci si trovava in un periodo tra uno e due anni.

Durante gli anni della crisi, la percentuale di disoccupati di lungo periodo sul totale dei disoccupati è passato da rappresentare il 26% al 62%, quasi 40 punti di incremento tra il terzo trimestre del 2007 e lo stesso trimestre del 2013. Leggi il seguito di questo post »


Il governo portoghese chiederà un’indagine sui casi di schiavitù in Francia

27 ottobre 2013

vineyardowrkers

Il segretario di stato delle comunità portoghesi, José Cesário, ha detto che il governo chiederà all’ispettorato del lavoro in Francia un’indagine su alcuni casi di schiavitù riguardanti cittadini portoghesi nel sudest del paese.

“Siamo venuti a conoscenza del caso solo attraverso i media. I casi non sono stati portati all’attenzione del consolato, e questo è un peccato, ma faremo il necessario per monitorare la situazione”, ha detto il segretario di stato delle comunità portoghesi, José Cesário, all’agenzia Lusa.

Tre portoghesi che sono andati in Francia per un lavoro stagionale nelle vigne della regione di Narbonne hanno intentato una causa contro l’entità per cui lavoravamo, in un caso che il sindacato locale classifica come “schiavitù moderna”. Leggi il seguito di questo post »


Trovare lavoro spedendo phon e padelle: la battaglia dei curriculum creativi

31 gennaio 2011

Avete mandato già centinaia di candidature, ma avete ricevuto sempre e solo rifiuti? Avete tutti i requisiti e, nonostante ciò, qualcun altro vi ha fregato il posto? Probabilmente il vantaggio decisivo gli è derivato da una Guerrilla-Bewergung, letteralmente una “candidatura da guerrilla”. Gli esperti delle risorse umane spiegano perché la creatività al momento della candiatura e della spedizione del proprio curriculum vitae diventa sempre più importante.

Una Guerrilla-Bewerbung ha alla sua base un’idea stravagante. Obiettivo: attirare l’attenzione e lasciare un’impressione duratura sul responsabile delle risorse umane. Può rivelarsi una tattica vincente soprattutto per aziende grandi!

Ad esempio, un cuoco ha ricevuto un invito per un colloquio di lavoro dopo aver spedito il proprio curriculum in una padella. O ancora, una graphic-designer ha inviato il proprio curriculum decorandolo con un uovo di Pasqua poco prima di Natale per dare l’idea di essere sempre un passo più avanti.

Ma attenzione, i curriculum-Guerrillia possono anche ritorcersi contro!

Il Karrier-Coach Jürgen Hesse del Büro für Berufsstrategie (ufficio per le strategie per l’occupazione) dichiara: “Una candidatura creativa  è in ogni caso una passeggiata lungo il burrone. Se non incontra il gusto di chi sta selezionando il personale, tutto è perduto.

Non mancano esempi anche di questi casi: a una donna che aveva inviato un phon allegato alla propria candidatura con l’idea di “portare vento fresco nell’azienda”, il responsabile delle risorse umane rispose, non molto entusiasta “l’aria calda la facciamo già”.

Sabine Neumaier, di Ambitio società di consulenza nelle candidature, (Bewerbungsberatung Ambitio) non si sorprende di questa reazione: “La forma della candidatura deve confezionare bene il contenuto e non distrarre chi la riceve dal contenuto stesso. Non prendete  una semplice carta da fotocopie o una cartella poco costosa. Aggiungete qualche tocco di colore tenuo o delicato, sopratutto per le candidature online.” Jürgen Hesse suggerisce di giocare con i formati, ritagliando ad esempio un bordo intorno a un foglio A4. “Diventa già qualcosa che attira l’attenzione e non si corrono rischi di dare un «pugno in un occhio» al destinatario.”

Christoph Weissenböck del portale di annunci Karriere.at completa il concetto: „In ogni caso una candidatura-Guerrilla ha bisogno di un buon concetto. La mancanza di un concetto fa sì che quella che dovrebbe essere presa per la giusta dose di creatività venga scambiata per superficialità e vuota apparenza.

 

Fonte: Bild
Link: http://www.bild.de/BILD/ratgeber/geld-karriere/2011/01/31/guerilla-bewerbung-ausgefallen/genial-gaga-bratpfanne-jobsuche-foen.html


Gli svedesi sono gli europei con le ferie più lunghe

1 agosto 2009

Con una media annuale di 33 giorni di ferie, gli svedesi sono molto avanti rispetto alle loro controparti europee nel godersi le vacanze, secondo il nuovo rapporto di un’agenzia dell’Unione Europea.

Gli svedesi sono anche fra quelli che passano il minor tempo al lavoro a settimana, quasi un’ora sotto la media UE. Leggi il seguito di questo post »


La disoccupazione giovanile in crescita in Europa.

25 luglio 2009

I giovani lavoratori sono le prime vittime della crisi economica in Europa: nel primo trimestre 2009, il loro numero ha raggiunto i 5 milioni. Dopo tre anni di diminuzione, la disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni ha accelerato velocemente nei 27 paesi dell’UE: il 18,3% dei giovani è senza lavoro, rivelano le statistiche dell’Eurostat. Il tasso di disoccupazione globale è dell’8,2% nell’Unione (+1,5% in confronto al 2008). Leggi il seguito di questo post »