Traduttori UE cercansi.

I funzionari UE dicono che L’Unione Europea sta esaurendo i suoi interpreti che parlano inglese, e cerca inoltre esperti in arabo, cinese e russo. “Tutti dicono che l’inglese è ovunque, ma stiamo incontrando seri problemi nel trovare professionisti che parlano inglese”, ha detto Brian Fox, il capo del servizio interpretazioni della Commissione Europea, alla Deutsche Presse-Agentur (dpa). Allo stesso tempo, l’esecutivo UE è sempre più interessato ad avere propri interpreti per il cinese, l’arabo e il russo, dice Pietro Petrucci, portavoce della Commissione.

Secondo l’ultima ricerca della commissione, circa il 90% dei partecipanti agli incontri dell’UE usano solo l’interpretazione dall’inglese. Sempre meno madrelingua inglese imparano altre lingue, rendendo sempre più difficile per gli organi centrali dell’UE trovare interpreti e traduttori. I madrelingua inglesi “non sentono il bisogno di parlare altro: Perché dannarsi?” dice Fox. La Commissione ha lanciato una campagna per incoraggiare i giovani madrelingua inglesi a imparare le lingue e a considerare i lavori di traduttore o interpree. Le istituzioni UE avranno bisogno di circa 300 traduttori inglesi in più entro il 2015, dice Fox. Le istituzioni UE stanno faticando anche a trovare esperti in altre lingue, in particolare il tedesco. “Stiamo avendo seri problemi nell’assicurarci interpreti che conoscano il tedesco – non interpreti che lavorano in tedesco, ma interpreti di altre lingue che capiscano il tedesco… Oggi i giovani pensano che il tedesco sia difficile e brutto”, dice Fox.

Gli organi dell’UE hanno bisogno sempre più di interpreti e traduttori da e in arabo, cinese e russo, con un “crescente bisogno” per queste lingue. Al momento, questo lavoro è portato avanti da traduttori freelance. L’UE è la casa di grandi comunità di madrelingua arabi, cinesi e russi, che dovrebbe rendere più facile il reperimento di linguisti esperti, dice Petrucci.

Gli interpreti sono richiesti specialmente per le conferenze stampa nei quartieri generali della Commissione Europea e al Parlamento Europeo, entrambi luoghi per le cui sessioni centinaia di giornalisti da tutto il mondo convergono.

Fonte:
New Europe: http://www.neurope.eu/articles/92982.php

Se l’articolo ti è piaciuto puoi votare questa notizia su Ok NOtizie. Clicca sul logo
(Comparirà una barra nella parte superiore dello schermo con cui votare la notizia. Grazie)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: