La Polonia sceglie il nucleare per ridurre la dipendenza dal carbone

Maciej Wozniak, Consigliere Capo per l'Energia del Primo Ministro polacco

La Polonia ha dato una svolta fondamentale nella sua politica energetica, confermando che ha internzione di completare due centrali nucleati entro il 2025 all’interno di un piano di azione di sicurezza energetica che punta a ridurre la dipendenza del paese dal carbone. EurActive ha parlato con Maiej Wozniak, consigliere capo per l’energia del Primo Ministro Donald Tusk.

“L’obiettivo è di averne almeno due – la prima entro il 2020 e la seconda tre o quattro anni più tardi,” ha detto Wozniak in una conferenza organizzata dall’Istituto Francese delle Relazioni Internazionali (IFRI) a Bruxelles giovedì 5 febbraio.

La svolta politica rappresente il primo segno visibile che le regole europee più dure sull’emissione di anidride carbonica, adottate a dicembre, stanno forzando il paese a riconsiderare il suo mix energetico in favore di fonti meno inquinanti [fino a un certo punto, visto che si parla di nucleare].

La Polonia si è ritrovata sotto i riflettori l’anno scorso per la resistenza la progetto dell’UE di tagliare le emissioni di anidride carbonica di un quarto entro il 2020. L’obiettivo finale è stato però approvato e, con il paese dipendente dal carbone per il 95% della sua elettricità, la pressione per un passaggio a fonti di energia a basso potenziale carbonico sta aumentando su Varsavia.

“Una delle conseguenze del pacchetto UE sul clima e sull’energia è che noi dobbiamo cambiare il nostro “paniere” delle fonti di elettricità e una di questa è il nucleare”, Dice Wozniak ad EurActiv ai margini della conferenza.

“Abbiamo tenuto duro sul nucleare per molti anni. Abbiamo tentato di passare al nucleare negli anni ’80 ma poi è venuto Chernobyl e abbiamo abbandonato il programma. Ora ci ritentiamo”, ha detto Wozniak.

Il governo ha mostrato un piano di sicurezza energetica per la Polonia a gennaio, di cui la mossa nucleare è una parte essenziale. Altri elementi chiave includono la costruzione di un rigassificatore nel porto di Swinoujscie sul Mar Baltico ed una maggiore capacità di stockaggio e di interconnessione del gas, che sarà in parte finanziata dall’UE.

Wozniak, comunque, rfiuta di commentare sul tipo di tecnologia che saranno scelte per i reattori nucleari. “Non è ancora stato deciso. Abbiamo uno spettro di possibilità molto ampio e valuteremo al meglio.”

“Il leader di questo progetto, la PGE, Polish Energy Group, cercherà partner finanziari e tecnologici. Il programma completo con le posizioni e i partener sarà pubblicato a giugno o luglio,” aggiunge Wozniak.

Sicuramente le due nuove centrali riducano la dipendenza dal carbon del paese. “credo che queste due nuove centrali nucleari copriranno, diciamo, il 20-25% della nostra domanda di energia elettrica alle condizioni attuali.”

Sembra proprio che non ci sia spazio in Polonia per le fonti rinnovabili

Fonte:
EurActiv: http://www.euractiv.com/en/energy/poland-chooses-nuclear-ease-coal-dependence/article-179211?Ref=RSS

Se l’articolo ti è piaciuto puoi votare questa notizia su Ok NOtizie. Clicca sul logo
(Comparirà una barra nella parte superiore dello schermo con cui votare la notizia. Grazie)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: