Migrazioni di ritorno tra i paesi europei

Le migrazioni non sono fenomeni stabili e se fino a un certo momento si registra un migrazione da un paese ad un altro, può sempre capitare che il flusso si inverta.

Courrier International parla della migrazione ucraina verso il Portogallo. Iniziata dopo la caduta del muro di Berlino, ha avuto dei picchi in occasione dell’Expo98 di Lisbona e della costruzione degli stadi per Euro 2004: il settore in cui vengono più impiegati i lavoratori ucraini è infatti quello delle costruzioni. In questi anni gli ucraini sono stati coinvolti, tramite le imprese portoghesi, anche nel boom immobiliare spagnolo, tant’è che fino a tre anni fa si registravano 60.000 ucraini residenti in Portogallo, aiutati in questo anche dalla legislazione portoghese, la seconda più “accogliente” in Europa dopo quella Svedese e dalla possibilità, una volta ottenuta la residenza, di potersi trasferire negli altri paesi dell’Unione Europea.

Adesso che il boom immobiliare in Spagna è finito, gli ucraini iniziano ad abbandonare il Portogallo, negli ultimi anni il numero di residenti è sceso sotto quota 40.000. La maggior parte torna in Ucraina, essendo riuscita a guadagnare abbastanza denaro da comprarsi una casa in madre patria; altri tentano la fortuna in altri paesi dell’est come Polonia, Romania e Bulgaria dove attualmente vengono spesi i fondi europe. Il riconoscimento di alcuni titoli di studio da parte delle autorità portoghesi, inoltre, ha permesso a numerosi ucraini e ucraine di trovare lavoro come medici o infermieri.

The Baltic Times parla invece della migrazione lettone in Irlanda e dei tentativi da parte del governo lettone, di far rientrare in patria i propri lavoratori emigrati, visto che il paese soffre di una crescita negativa della popolazione e della carenza di operai e impiegati qualificati, mentre l’Irlanda beneficia di giovani lavoratori qualificati, motivati e a buon mercato. Alcune misure approvate dal governo negli ultimi anni hanno riguardato la concessione di grandi somme di denaro ai rientranti e la cittadinanza più facile per i figli di lettoni nati in Irlanda .

Fonti:

Courier International: http://www.courrierinternational.com/article.asp?obj_id=91639

The Baltic Times: http://www.baltictimes.com/news/articles/21715/

Se l’articolo ti è piaciuto puoi votare questa notizia su Ok NOtizie. Clicca sul logo
(Comparirà una barra nella parte superiore dello schermo con cui votare la notizia. Grazie)

Annunci

6 Responses to Migrazioni di ritorno tra i paesi europei

  1. alberto ha detto:

    Purtroppo gli arabi e i negri non se ne vanno.

  2. Oyasuminasai ha detto:

    Nemmeno quelli come te

  3. pincopallina ha detto:

    io penso che l’emigrato “faccia comodo” sempre, smettiamola di fare i razzisti per comodità o per moda… quando si è i primi ad usufruire del “servizio” …

  4. Ifo ha detto:

    Bella risposta Oya…
    Quanti ottusi ke ci sono…

  5. domain ha detto:

    I’m not that much of a internet reader to be honest but
    your blogs really nice, keep it up! I’ll go ahead and bookmark your website to come back in the future.
    Many thanks

  6. t shirt printing ha detto:

    These-printed t-shirts get immediate and continued eyeballs as the people you gave shirts to continue
    to wear them throughout the year. Because lighter ink was screened twice on the garment.
    These fruit of loom shirts are available in different sizes and styles like oxford full length, short length and sleeve popling shirts for
    both men and women.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: